Palazzo di Kliczków
Wybierz obiekt:

Palazzo di Kliczków

In documenti risalenti al 1297, viene menzionato il castello del duca Bolek I di Świdnica, situato presso il confine occidentale della Slesia. Attorno al 1580, al suo posto venne eretto il podere rinascimentale dei von Rechenberg, costruito per volere di Kasper detto Intermedio (parte della maestosa lapide dei Rechenberg, un tempo situata nella vicina chiesa, è attualmente esposta presso il Museo Nazionale di Breslavia). Nel 1611, Kasper von Rechenberg il Giovane – ciambellano reale e consigliere della corte imperiale – ospitò il monarca ceca ed imperatore romano Mattia. Il castello fu parzialmente distrutto nel corso della guerradei trent’anni. In seguito, fu ricostruito all’inizio del XVIII secolo da Hans Wolfgans von Frankenberg-Schellendorff. Sappiamo che a metà del XVII secolo era provvisto di due sale da ballo, di una cappella, di 20 saloni e di una fucina. Nel 1747, il palazzo di Kliczków fu acquistato dai von Promnitz. La residenza fu ampliata dopo il 1810 da Johann Heinrich von Solms-Tecklenburg. Negli anni 1881-1883 fu portato a termine un profondo restauro in stile rinascimentale, realizzato in base al progetto di H. J. Kayser e K. Grossheim per Friedrich Hermann Georg von Solms-Baruth. In occasione degli incontri di caccia, il palazzo ospitava l'imperatore tedesco Guglielmo II. Dopo il fallito attentato a Hitler, nel 1944, i beni di Kliczków furono confiscati alla famiglia von Solms-Baruthom, sospettata di aver preso parte alla cospirazione. L’edificio, parzialmente distrutto nel 1945, è stato restaurato tra il 2000 ed il 2002 da una delle ditte di Barbara Piasecka-Johnson.

In seguito ad una serie di stratificazioni, la pianta attuale del palazzo è a "L". Il numero di livelli varia da due a tre. Presso gli angoli sono presenti tre torri.  La parte più antica ha al proprio fianco un nuovo segmento con due ali bipiano. Una di esse è l’ala orientale adibita alla servitù, caratterizzata da una maestosa porta-torre, da una sommità a cupola e da massicce torri angolari a tre livelli. La facciate (in particolar modo quelle che danno sul cortile) sono provviste di ricchi dettagli neorinascimentali (es. portali, elementi bugnati e sommità decorate con volute). Gli interni ospitano ambienti rappresentativi, come ad esempio gli appartamenti situati al primo piano, la Sala dei Signori situata al secondo, la sala da ballo e la biblioteca. In prossimità del cortile, inoltre, troviamo un atrio provvisto di eleganti scale e corridoi. Attualmente, si tratta di uno dei palazzi slesiani meglio conservati, capace di illustrare quale fosse e quale dovrebbe essere l’aspetto di decine di residenze simili, spesso devastate o in stato di totale abbandono. Merita un riconoscimento l'attenzione rivolta all’intero complesso residenziale, che ha permesso di conservare in buono stato non solo il palazzo, ma anche gli edifici adibiti ad attività economiche (fattoria), il parco ed il paesaggio culturale dei dintorni.

Il complesso è circondato da un parco paesaggistico con stagno risalente all’inizio del XIX secolo, trasformato negli anni 1881-1883 da E. Petzold. La zona occidentale del parco ospita il cosiddetto Palazzetto della Vedova  (detto anche Casa di Spangenberg) – antica casa delle guardie forestali risalente al 1800, provvista di loggia.

All'interno del castello possiamo trovare un albergo, un ristorante, un'area SPA, un centro conferenze (7 sale da affittare) e campi da tennis; esiste la possibilità di andare a cavallo nelle vicinanze e di effettuare discese del fiume Kwisa in kayak (punto ad elevato dislivello!).

 

Contatto:

Castello Kliczków. Centro per Conferenze e Villeggiatura

(Zamek Kliczków. Centrum Konferencyjno-Wypoczynkowe)

Kliczków 8, 59-724 Osiecznica

tel. 75 73-40-700 do 702

www.kliczkow.com.pl

e-mail: zamek@kliczkow.com.pl

 

contatto anche a Breslavia:

Sezione Marketing

ul. Garbary 1

tel. 71 341-93-83

www.kliczkow.com.pl

e-mail: marketing@integer.com.pl

 

Come arrivare: 

in automobile da Breslavia – seguire l’autostrada A4 in direzione Zgorzelec, al 117° km imboccare la strada n.297 per Bolesławiec; da qui, prendere la strada 94 e dirigersi a Kliczków. Lunghezza complessiva: 136 km. Collegamento tramite autobus.

 

Da visitare:

 Si.

 

Eventi costanti e ciclici:

agosto – Festival “Blues sul fiume Bóbr”[Blues nad Bobrem] (nel 2011 per la 21° volta); agosto - Torneo di Equitazione “Coppa del Duca zu Solms-Baruth” [Turniej Jeździecki o Puchar Księcia zu Solms-Baruth]; ottobre – Festa di S. Uberto [Festyn św. Huberta]; novembre – Festa Cavalleresca della Vigilia di S.Andrea [Rycerska Biesiada Andrzejkowa ] e tanti altri eventi.

 

Parcheggio:

Ampio parcheggio di fronte al palazzo.

 

Dove mangiare:

Zamek Kliczków. Restauracja Zamkowa.

Castello Kliczków. Centro per Conferenze e Villeggiatura

(Zamek Kliczków. Centrum Konferencyjno-Wypoczynkowe)

Kliczków 8, 59-724 Osiecznica

tel. 75 73-40-700 do 702

www.kliczkow.com.pl

e-mail: zamek@kliczkow.com.pl

 

contatto anche a Breslavia:

Sezione Marketing

ul. Garbary 1

tel. 71 341-93-83

www.kliczkow.com.pl

e-mail: marketing@integer.com.pl

 

Dove allogiare:

Castello Kliczków. Centro per Conferenze e Villeggiatura

(Zamek Kliczków. Centrum Konferencyjno-Wypoczynkowe)

Kliczków 8, 59-724 Osiecznica

tel. 75 73-40-700 do 702

www.kliczkow.com.pl

e-mail: zamek@kliczkow.com.pl

 

contatto anche a Breslavia:

Sezione Marketing

ul. Garbary 1

tel. 71 341-93-83

www.kliczkow.com.pl

e-mail: marketing@integer.com.pl

 

Informazioni turistiche:

Informazione turistica sul posto.