Wrocław – Convento Suore Scolastiche di Nostra Signora come l’antica parte settentrionale del palazzo di Piast
Wybierz obiekt:

Wrocław – Convento Suore Scolastiche di Nostra Signora come l’antica parte settentrionale del palazzo di Piast

Sull'isola del fiume Oder, chiamata in polacco Ostrów Tumski, esisteva fin dalla metà del X secolo una dimora signorile ricostruita più volte, poi diventata sede di castellàno, e ancora più tardi sede dei duchi di Breslavia. Nel XII-XIII secolo il castello fu gradualmente trasformato in una fortezza (descritto per la prima volta nel 1239 com' un edificio di mattoni.)

Siccome sono stati conservati solo i piccoli relitti di quell'epoca, non si può interpretare in modo inequivocabile, chi è stato il fondatore. Probabilmente furono Boleslao I il Lungo o Enrico I il Barbuto. Sono stati trovati i resti di un palazzo signorile costruito sul piano di 18 angolazioni (un dongione, una torre o una cappella), una cappella ottagonale con le abside, gli edifici di fattoria e residenziali (appartenenti al palazzo o monastero ), anche gli edifici di servizio.

Duca Enrico III, ha circondato il castello dalle mura di mattoni con le quattro torri, di cui le due torri del cancello (c'è una menzione della loro costruzione di 1257). In seguito Enrico IV il Giusto, che ha governato negli anni 1270-1990 ha fatto una grande ricostruzione già in stile gotico. Al posto di una struttura poligonale è stata fondata una cappella ottagonale con gli edifici adiacenti su entrambi lati. Nella secondo metà degli anni '80 dello stesso secolo costruì una nuova cappella di S. Martino e la nuova ala del palazzo. In questo modo si è stato formato il più grande complesso residenziale in tutta la Polonia, che riflette le aspirazioni del re Enrico IV. I suoi successori invece si trasferirono in riva sinistra dell'Oder, dove costruirono un nuovo castello.

Il castello sull'isola Ostrów Tumski gradualmente a partire dal 1310, è stato donato alla Chiesa –al capitolo di Santa Croce e al vescovo. Il trasferimento formale è stato nel 1439, ma prima del 1349 tutto il terreno del castello fu diviso dai recinti in 7 curie canonicate. Nel XV secolo sono state demolite le mura difensive, ma il complesso delle curie è sopravvissuto fino al 1810. Il palazzo naturalmente ha cambiato la forma tante volte. La ricostruzione significativa è stata fatta dopo la secolarizzazione dei beni ecclesiastici. Furono demoliti allora gli ultimi resti delle mura e della torre del carcere. Fu eretto l’edificio per una loggia massonica ( 1815), l’ospedale per I bambini è stato trasformato più tardi in convitto di S. Anna, anche altri edifici hanno cambiato destinazione d'uso. Nel 1885 fu cambiata la strada S. Martino. Durante i combattimenti nel 1945, molti edifici sono stati distrutti. Dopo la guerra ne hanno ricostruit solo due – attuali edifici dei conventi e delle istituzioni sono gestite dalle Suore della Sacra Famiglia di Nazareth e le Suore Scolastiche di Nostra Signora. Le ricerche archeologiche sono state effettuate più volte rivelando i resti degli edifici medievali, ma in gran parte rimangono inaccessibili, nascoste sotto la terra o nei locali di clausura monastica.

Attualmente, unico edificio conservato dall’antico castello è la chiesa di S. Martino, ricostruita in forma modificata dopo l'ultima guerra mondiale – sulla pianta ottagonale, con il coro esteso, con importanti contrafforti. Sono esposti i resti del muro lungo il fiume Oder, e frammenti del palazzo dalla fine del XIII secolo. Le parti più importanti del castello - le fondamenta dell’enigmatico edificio 18-laterale e delle strutture adiacenti si nascondono nelle cantine e nel piano seminterrato (in parte esposti) del convento delle Suore Scolastiche di Nostra Signora. Recentemente sono state fatte ulteriori ricerche archeologiche nel convento, preparando tutto il complesso per ricostruzione e per nuovo arrangiamento del giardino. Fra poco dovrebbe sorgere "il giardino dell’Educazione e Didattica in Ecologica" con una esposizione dei residui della romanica e gotica residenza dei Piast di Wrocław, più completa e ampia, rispetto a questa attuale.

 

Contattare:

Zgromadzenie Sióstr de Notre Dame, Dom zakonny

ul. św. Marcina 12, 50-327 Wrocław

tel. 71 322-78-67

 

Come arrivare:

Nella quartiere Ostrów Tumski

 

Possibilità di visitare:

L’ogetto non disponibile ai turisti.

 

Eventi costanti e ciclici:

No.

 

Parcheggio:

Presso via [ul.] Frycza Modrzewskiego o Sienkiewicza.

 

Dove mangiare:

Restauracja „Akropol” Na Solnym

pl. Solny 18/19, 50-063 Wrocław

tel. 71 788-81-42

www.akropolrestaurant.pl/

e-mail: no

 

Restauracja „Pod Złotym Psem”

Rynek 41, 50-116 Wrocław

tel. 71 372-37-60, 71342-97-89

www.zloty-pies.pl

e-mail: zloty pies@onet.pl, pj56@wp.pl

 

Restauracja „Casablanca“

ul. Włodkowica 8a, 50-072 Wrocław

tel. 663-765-135

www.casablancawroclaw.com

e-mail: casablancawroclaw@gmail.com

 

 

Restauracja „Piramida”

ul. Wita Stwosza 12, 50-148 Wrocław

tel. 71 344-58-44

www: no

e-mail: no

 

Dove alloggiare:

Hotel Tumski

ul. Wyspa Słodowa 10, 50-266 Wrocław

tel. 71 322-60-88/89

www.hotel-tumski.com.pl

e-mail: hotel@hotel-tumski.com.pl

 

Qubus Hotel Wrocław

ul. św. Marii Magdaleny 2, 50-103 Wrocław

tel. 71 797-98-00, 71782-87-65

www.qubushotel.com

e-mail: rezerwacja@qubushotel.com, wrocław@qubushotel.com

 

Hostel Cinema

ul. Kazimierza Wielkiego 17, 50-077, Wrocław

tel. 71 795-77-55, 603-257-632

http://hostelcinema.pl

e-mail: hostelcinema@o2.pl

 

Hotel Podróżnik

ul. Sucha 1, 50-086 Wrocław

tel./fax 71 373-28-45

www.podroznik.emeteor.pl      

e-mail: tyrna.pilch@neostrada.pl

 

Schronisko Młodzieżowe „Na Wyspie”

ul. Wyspa Słodowa 10, 50-266 Wrocław

tel. 71 322-11-50, fax 71 322-61-13

http://schronisko.hotel-tumski.com.pl      

e-mail: schronisko@hotel-tumski.com.pl

 

Centri di informazione turistica:

Centrum Informacji Turystycznej The Meeting Point

Rynek 14, 50 – 101 Wrocław

tel. 71 344-31-11/12

www.um.wroc.pl

e-mail: info@itwroclaw.pl